Migliori radiatori ad olio

9.1
8.5

Dati tecnici

Potenza
2000 W500 W
Peso
13,4 Kg6 kg
Termostato
Livelli di temperatura
103
Tipo
OlioOlio
Controlli remoti
1No

Vantaggi

Riscalda più velocemente (sistema a effetto camino)Design compatto
Sistema antiribaltamento e anti-surriscaldamentoConsumi ridotti per un radiatore ad olio
Include un timer per 24 ore
Materiali di qualità

Svantaggi

Prezzo elevatoBassa potenza
È pesante

Quando viviamo in tempi in cui le temperature sono estremamente basse e il freddo diventa un problema fastidioso e a volte anche dannoso per la nostra salute, la cosa migliore da fare è avere un sistema di riscaldamento adeguato, al fine di migliorare l’ambiente in cui viviamo.

In questo senso, è opportuno parlare di radiatori ad olio. Questo tipo di dispositivo si è guadagnato il diritto di essere il perfetto alleato di migliaia di famiglie nel processo di mantenimento di una temperatura adeguata in casa o in ufficio. 

Qui di seguito vi forniamo informazioni di qualità sui radiatori ad olio, in modo che possiate scegliere correttamente quello giusto per voi e la vostra famiglia. 

Prima di tutto, dovete considerare chi lo userà, per quanto tempo e in quale tipo di spazio lo collocherete, dato che ci sono diversi modelli che si differenziano tra di loro per capacità, dimensioni e peso.  

Modelli consigliati

Quale radiatore consuma meno olio?

Se dobbiamo parlare di quale radiatore ad olio genera meno consumo di elettricità, la prima cosa che dobbiamo chiarire è che i radiatori ad olio non sono dispositivi a basso consumo.

Bisogna considerare che il consumo medio orario di un radiatore ad olio da 2000W è di circa 700W, e può essere superiore o inferiore a seconda dell’esatta potenza dell’apparecchio.

Qual è il miglior refrigeratore ad olio?

Questo dipenderà dalle caratteristiche dello spazio a cui è destinato e dal budget di ogni persona. Per chi vuole un radiatore che copra grandi superfici, il dispositivo migliore sarà sempre uno ad alta potenza e se a questo si aggiunge un minore consumo energetico, si sta cercando quello più adatto.

Tuttavia, se si desidera un radiatore per uno spazio ridotto e si deve anche trasportare in diverse zone della casa, si dovrebbe optare per un modello semplice e portatile. 

È importante sottolineare che, se il radiatore scelto è conforme alle norme minime di sicurezza e ha un design piacevole e funzionale, è sufficiente per essere considerato un buon radiatore. 

Il miglior radiatore dell'olio economico

Il modello più economico tra quelli testati è il Vonhaus Mini. Si tratta di un piccolo riscaldatore a olio ma abbastanza potente (800 W). Mi sembra un modello ideale per le case piccole, perché non occupa molto spazio quando lo riponiamo ed è efficace anche se le stanze sono piccole o possiamo usarlo sotto una scrivania, cosa molto utile per quelli di noi che telelavorano (facendo attenzione a non attaccarlo a mobili o tende).

Questo modello non è dotato di ruote ma pesa pochissimo (3 kg) e include una maniglia per poterlo spostare facilmente in casa. È molto facile da usare, con un interruttore on/off e una rotella per selezionare l'intensità del calore.

In breve, è la scelta migliore per chi ha bisogno di un radiatore a olio piccolo, semplice ed economico.

Miglior radiatore ad olio per tavolo da barella

Tra tutti i modelli che abbiamo analizzato, quello che mi sembra il migliore per una barella da tavolo è il Delongui TRNS 0505M. Questo modello è quello che la maggior parte degli utenti sceglie di utilizzare sotto il tavolo da barella grazie alle sue dimensioni compatte e alla potenza più che sufficiente per generare calore in quello spazio.

È dotato di un termostato con 6 livelli per regolare la temperatura in base alle esigenze di ogni momento; se lo si utilizza su un tavolo da barella, è quasi certo che non si utilizzeranno i livelli più alti perché si otterrebbe un calore eccessivo. Ecco perché questo riscaldatore a olio è ideale per questa funzione, perché non vi servirà più potenza di quella che ha. È possibile utilizzarlo anche in stanze o bagni di piccole dimensioni e, grazie ai suoi bordi splendidamente arrotondati, si adatta alla maggior parte delle decorazioni.

Radiatore dell'olio più piccolo

Il modello più piccolo tra tutti quelli analizzati è il Vonhaus Mini, che è anche il più economico del confronto. Le sue dimensioni sono 28 x 14 x 38 cm, per cui è possibile riporlo quando non lo si usa, senza che occupi troppo spazio. La potenza è piuttosto elevata (800 W) per le sue dimensioni, quindi può riscaldare efficacemente stanze piccole o roulotte, ad esempio.

Il funzionamento è molto semplice, con un solo interruttore per accenderlo e spegnerlo e una rotella per selezionare l'intensità del calore. Ma questo non significa che non sia un radiatore sicuro, poiché include un sistema contro il surriscaldamento.

Guida all'acquisto

Quando si acquista un radiatore ad olio, ci si troverà sicuramente in dubbio su quale, di tutti i modelli di radiatore,  acquistare.

È la cosa più naturale, avendo così tanti modelli, marchi e specifiche a disposizione, non sapere quale modello scegliere al momento dell’acquisto. Per questo motivo, vi daremo le caratteristiche di cui dovrete tener conto per sapere qual è il miglior radiatore ad olio sempre in base alle vostre esigenze.

Per migliorare la sensazione termica è consigliabile utilizzare un deumidificatore se si vive vicino al mare.

Gli aspetti più importanti prima dell'acquisto

Dimensione

Questo è senza dubbio il primo fattore da tenere in considerazione se si vuole acquistare uno di questi radiatori. Per farlo, è necessario avere ben chiaro dove si intende posizionarlo: è molto importante.

Se si tratta di una stanza piccola, allora si dovrebbe puntare su un mini radiatore a olio. Questi piccoli radiatori sono ideali per gli spazi ridotti. Tuttavia, se lo spazio non è un problema per voi, la gamma di opzioni diventa molto più ampia.

Potenza

Sul mercato è disponibile un'ampia varietà di potenze per i radiatori a olio. In generale, questi dispositivi sono disponibili con una potenza compresa tra 500 e 2.500 watt, ma questo non significa che non si possano trovare radiatori con una potenza superiore.

Per determinare la potenza necessaria, esiste una semplice regola che vi darà una buona approssimazione, anche se dipenderà dalla temperatura ambiente che desiderate aumentare, poiché non è lo stesso riscaldare uno spazio di 15 m2 a Maiorca che nello stato dell'Alaska.

Tuttavia, tenendo conto di quanto detto sopra, è bene utilizzare la formula di 100 watt per metro quadrato; alcuni ritengono che questo metodo di misurazione sia eccessivo, per cui è possibile gestire tra i 70/85 watt per metro, che saranno sicuramente sufficienti.

Prezzo

Quando si parla di quale radiatore dell'olio acquistare, il prezzo è senza dubbio un fattore importante nell'intenzione di acquisto. Tra le opzioni che soddisfano le dimensioni e la potenza di cui avete bisogno, dovreste scegliere quella che meglio si adatta alle vostre possibilità economiche.

La gamma di prezzi è molto ampia e dipende dal livello di design, dal marchio e dalla potenza desiderata. In genere, una fascia di prezzo confortevole è compresa tra 40 e 100 euro. Nel caso dei mini-radiatori, un budget di 40 euro è sufficiente.

Funzionalità

Parlando di funzionalità, siamo convinti che il fattore principale da tenere in considerazione in questi casi sia l'interfaccia.

In questo senso, è conveniente che incorpori un selettore del livello di potenza; in questo modo, non è necessario utilizzare la potenza massima del radiatore e si riuscirà a ridurre il consumo di elettricità.

È inoltre molto utile scegliere un radiatore che incorpori un termostato, una maniglia per il trasporto e un raccoglitore di cavi.

Sicurezza

Quando si tratta di dispositivi che generano calore, la sicurezza è un aspetto fondamentale. Rispetto ad altri sistemi, la sicurezza dei radiatori a olio è ottimale, ma è comunque importante tenere presente alcuni aspetti che riducono la probabilità di un incidente.

A tal fine, nella scelta del radiatore a olio da utilizzare, cercate radiatori che incorporino un sistema di spegnimento automatico quando viene rilevato un surriscaldamento interno.

Inoltre, assicuratevi che il cavo sia sufficientemente lungo per evitare che si crei una tensione nel cavo che potrebbe causare un incidente.

Consumo

Ci sono 3 fattori chiave per farsi un'idea del consumo di un riscaldatore a olio, e sono:

Ore di consumo: per fare un calcolo è necessario conoscere questo dato approssimativo, poiché varia notevolmente se il radiatore viene utilizzato per sole 2 ore o per più di 8 ore al giorno.
Potenza: è necessario conoscere la potenza del radiatore che si intende acquistare, in quanto influisce direttamente sul consumo; si consiglia di non acquistare un radiatore con una potenza superiore a quella necessaria in base alle dimensioni dell'ambiente da riscaldare.
Prezzo per kWh: è possibile scoprirlo consultando l'ultima bolletta dell'elettricità.

Per fare un calcolo approssimativo del consumo dovrete moltiplicare la potenza del radiatore in Kw (se il dato è in W, dividetelo per 1000) per le ore di consumo.

Una volta ottenuto questo dato, moltiplicatelo per il prezzo al kWh e avrete i dati del vostro consumo giornaliero; per conoscere il consumo mensile basta moltiplicarlo per 30 e lo avrete. Potete fare gli stessi calcoli con un radiatore elettrico a basso consumo per vedere le differenze.

Esempio:

Un radiatore da 2000 W (2 Kw), acceso 8 ore al giorno, al prezzo di 0,12 € Kwh, avrà un consumo di:

2 Kw x 8 h = 16 Kwh

16 Kwh x 0,12 € / Kwh = 1,92 € / giorno

Consumo mensile: 1,92 € / giorno x 30 giorni = 57,6 € / mese

Opinioni dopo averle analizzate

Alcuni lamentano che i radiatori a olio impiegano molto tempo per riscaldare l'ambiente. Questo è vero se li confrontiamo con un emettitore termico, ad esempio: gli emettitori iniziano a riscaldare non appena vengono accesi, ma i radiatori a olio richiedono più tempo perché tutto l'olio al loro interno deve essere riscaldato per iniziare a emettere calore.

Il loro vantaggio è che il calore dura più a lungo: possono continuare a riscaldare fino a un'ora dopo lo spegnimento (a seconda del modello), mentre gli emettitori termici si raffreddano non appena vengono spenti.

Anche il consumo è uno dei punti su cui si lamentano alcuni utenti. Quando si acquista un radiatore a gasolio bisogna tenere presente che non si tratta di un prodotto a basso consumo, ma se si utilizza un modello di potenza adeguata alla stanza in cui si intende utilizzarlo e lo si accende solo per le ore necessarie, non si dovrebbe notare un grande aumento della bolletta elettrica. Tuttavia, se il consumo è la vostra preoccupazione principale, vi consiglio di scegliere un radiatore ad alta efficienza energetica, perché sono più efficienti dal punto di vista energetico.

Una cosa che piace alla maggior parte degli utenti è che tutti i modelli sono facili da trasportare e quindi possono essere utilizzati in stanze diverse; quelli più grandi e pesanti di solito sono dotati di ruote, mentre quelli più piccoli sono leggeri e hanno una maniglia per spostarli senza sforzo.

In breve, per evitare delusioni quando si acquista un radiatore a olio, bisogna sapere che non sono i più veloci a riscaldare, che non bisogna usarli come unico sistema di riscaldamento perché non sono efficienti dal punto di vista energetico, che sono molto facili da usare e che sono facili da trasportare, ma più ingombranti di altri sistemi di riscaldamento.

Domande frequenti

I radiatori ad olio sono pericolosi?

La risposta a questa domanda è piuttosto relativa. In realtà, qualsiasi apparecchio che richieda un flusso di corrente per il suo funzionamento, se non vengono rispettate le norme di sicurezza di base, diventa un apparecchio pericoloso.

Tuttavia, per quanto riguarda la pericolosità dei fornelli a olio, possiamo dire che non lo sono, perché essendo elettrici non producono gas o fumi, né emettono rifiuti che inquinano l'ambiente.

Come funziona un radiatore dell'olio?

Un riscaldatore a olio è certamente un apparecchio che non ha un sistema di funzionamento complesso. Fondamentalmente, funziona riscaldando l'olio al suo interno grazie a resistenze elettriche.

Questo olio riscalda la superficie del radiatore, che di solito è in alluminio o addirittura in acciaio, ed è questa superficie a trasferire il calore all'ambiente.

Come pulire il radiatore dell'olio?

Questo tipo di apparecchio tende ad accumulare molta polvere a causa del numero di condotti interni. Per questo motivo è molto importante tenerli puliti e liberi da ostruzioni.

I seguenti passaggi per pulire un radiatore a olio vi aiuteranno ad avere, nel caso in cui non li conosciate, una procedura descritta di quale sia il modo corretto di farlo.

Passi da seguire

Assicuratevi di pulire quando i radiatori sono spenti e freddi.
Coprite l'area intorno al radiatore con un panno, un giornale o della carta che non utilizzate più, in modo che lo sporco cada sul radiatore e sia più facile da raccogliere in seguito.
Rimuovere la polvere superficiale con uno spolverino o un panno asciutto.
Pulire il retro del radiatore. A questo scopo, vi sarà utile il famoso trucco del phon per soffiare via la polvere dai punti più difficili.
Se, dopo il trucco dell'asciugacapelli, si vedono ancora sporco e polvere incastrati nei punti difficili, è consigliabile utilizzare un pulitore a vapore.
Per terminare la pulizia e dare una bella finitura, utilizzate un panno umido con sapone o detergente per vetri e il gioco è fatto: il vostro radiatore a olio sarà pulito come il giorno in cui l'avete acquistato!

Ora che sapete come pulire un termosifone, dovete tenere presente che la pulizia deve essere effettuata regolarmente, in modo che diventi sempre più facile da fare, poiché non c'è tempo per lo sporco e la polvere di attaccarsi all'apparecchio, rendendo il lavoro molto più semplice.

Altre categorie interessanti

Prodotti